Get Microsoft Silverlight

PUNTATA 4/18 DEL 31.10.09

LIGURIA, LA STORIA DIMENTICATA DEL CAMPO 52. E POI GLI INCENDI IN CORSICA, I RAPPER ALGERINI E LA MALVASIA DI SALINA.

In Liguria la storia dimenticata di un campo di concentramento della seconda guerra mondiale da dove passarono prima i prigionieri inglesi catturati nella guerra d’Africa e poi, dopo l’8 settembre ’43, molti ebrei catturati dalla Gestapo genovese e deportati ad Auschwitz. Partirono dal campo numero 52 di Coreglia Ligure per non tornare mai più. Fra questi Nella Attias, di appena sei anni, la più piccola vittima della tragica colonna partita per il campo di sterminio polacco.
Raccontando questo passato, sulle tracce della memoria, si apre la quarta puntata di “Mediterraneo”.
Il magazine si sposta poi in Corsica dove tre incendi concomitanti in una settimana hanno devastato centri abitati e più di seimila ettari di foreste. Il bilancio: un prezzo altissimo fra perdite umane e danni ecologici in una estate di fiamme che ha interessato molti paesi mediterranei.
E’ quindi la volta del gruppo “Betons Bled”, giovani rapper algerini incontrati da “Mediterraneo” che da otto anni rappresentano una generazione che si sente rifiutata.
La puntata si conclude a Salina, nelle Eolie, per apprezzare la Malvasia, il particolare “tesoro” dell’arcipelago. Un bene il cui commercio aiuta l’economia delle popolazioni locali.

 

Il campo 52
di Alessandra Rissotto (Rai)

         

Italia. La storia del campo 52, in Liguria, costruito durante la seconda guerra mondiale. Da qui i prigionieri inglesi ed ebrei finirono ad Auschwitz.

Le ceneri della foresta
di Sébastien Luciani (France 3)

        

Francia. In Corsica un’estate in fiamme. Devastati centri abitati e più di seimila ettari di foreste.

Rap algerino
di Christophe Monteil (France 3)

        

Algeria. La musica e le parole dei rapper danno voce ai giovani che si sentono esclusi. Marwane, Kamel e Yacine, sono i «Betons Bled».

Salina e la Malvasia
di Antonella Gurrieri (Rai)

      

Italia. Malvasia, l’oro delle isole Eolie. Un vino da dessert addolcito dal sole. Da secoli è una delle principali fonti economiche dell’arcipelago.

Giancarlo Licata

Comments

comments